Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 4

Trizio Editore

Carro semovente di Leonardo - Leonardo Da Vinci

Carro semovente di Leonardo - Leonardo Da Vinci

Prezzo di listino $282.00 USD
Prezzo di listino Prezzo scontato $282.00 USD
In offerta Esaurito
Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al check-out.
Cornice

ACQUISTA ONLINE, CONSEGNA TRACCIABILE ASSSICURATA

Materiale di qualità unica

Stampa su Carta a mano di Amalfi
Misura: 29 x 42 cm
Materiale: opera stampata su carta pregiatissima con bordi sfrangiati Amalfi fatta a mano
Cornice:  Marrone chiaro in legno di faggio fatta a mano

VUOI UN PRODOTTO PERSONALIZZATO
O INFORMAZIONI? SCRIVICI

L'opera

Carro semovente 1478-80
Punta di metallo, penna e pennello su carta, 27 x 20 cm
Biblioteca Ambrosiana, Milano

Immergiamoci in una delle prime geniali intuizioni di Leonardo da Vinci, abbozzata intorno al 1478: un carro autonomo, alimentato a molla e forse destinato alla scena piuttosto che al campo di battaglia, sfatando la credenza di lunga data che fosse un prototipo delle automobili moderne.

Nel Quattrocento, spettacoli pubblici maestosi erano la norma per eventi significativi – matrimoni reali, visite di personalità illustri, festività religiose. Allo stesso tempo, le feste private dell'élite diventavano sempre più opulente. Queste produzioni erano spesso colossali, con giochi di scena complessi che richiedevano macchinari ingegnosi per sollevare e muovere attori e scenografie, oltre a dispositivi per creare effetti sbalorditivi, come l'accensione rapida di una serie di lampade.

La creazione di questi spettacoli non riguardava solo il talento artistico; richiedeva anche conoscenze tecniche. Di conseguenza, gli artisti rinomati, esperti in astuzie architettoniche e nell'uso di macchine, erano i prediletti per questi incarichi.

Ricordate i disegni di scena di Filippo Brunelleschi per alcune rappresentazioni sacre nelle chiese fiorentine nel 1439? Iconici.

E Leonardo? Era proprio nel bel mezzo di tutto questo fin dai suoi primi giorni, creando allestimenti popolari, alcuni dei quali divenuti famosi, come la 'Festa del Paradiso' o la messa in scena dell' 'Orfeo' di Poliziano, dove dirigeva tutto dalla regia alla scenografia e persino ai costumi.

Tra queste avventure artistiche spicca un noto progetto giovanile di da Vinci del 1478. Immaginate: un carro a quattro ruote auto-mosso con timone, azionato da un meccanismo a molla – pensate a un accessorio teatrale per entrate e uscite sceniche, non un prototipo di automobile.

Il cuore di questo veicolo, su cui Leonardo si concentrò, si basa su un motore costituito da due grandi molle a balestra avvolte da un dispositivo a tenaglia, più un sistema di trasmissione formato da una coppia di ruote dentate che si ingranano, ognuna con un tamburo sul proprio asse per impegnare i perni sulle ruote motrici.

I disegni non chiariscono come il motore e la trasmissione si collegano o come la potenza arrivi alle ruote. Ma una cosa è certa: il sistema a molle significava perdita di potenza e ricariche costanti. Ci vorrebbero ben 370 ricariche per coprire solo un chilometro su terreno pianeggiante.

Nonostante ci siano dubbi sulla sua praticità o persino sulla sua capacità di muoversi, il progetto ha due caratteristiche indiscutibilmente interessanti: un motore a molla che immagazzina energia, alleggerendo lo sforzo umano, e un sistema di trasmissione centrato su due ruote dentate che girano in direzioni opposte, simili a un differenziale moderno. Questi elementi sono i veri colpi di genio del progetto di da Vinci, che lo differenziano da studi simili del suo tempo.

I veicoli auto-moventi, utilizzati principalmente in feste e spettacoli, ma anche a scopi militari, fanno parte di una lunga tradizione che risale all'antichità e che trova in trattati tardo medievali espressioni molteplici, alcune concrete, altre decisamente fantasiose.

Mentre i carri meccanici del senese Francesco di Giorgio, azionati a manovella da un equipaggio, sembrano abbastanza pratici, il carro a vento di Roberto Valturio, con le sue pale da mulino sperando di sfruttare l'energia eolica, era decisamente più stravagante.

Visualizza dettagli completi