La battaglia di Azio. Contesto storico

La battaglia di Azio. Contesto storico

La battaglia di Azio fu una battaglia navale combattuta tra la flotta marittima di Ottaviano, guidata da Marco Agrippa, e le flotte combinate di Marco Antonio e Cleopatra VII Filopatore. La battaglia ebbe luogo il 2 settembre del 31 a.C. nel Mar Ionio, vicino all'ex colonia romana di Azio, in Grecia, e fu il culmine di oltre un decennio di rivalità tra Ottaviano e Antonio.



All'inizio del 31 a.C., anno della battaglia, Antonio e Cleopatra erano temporaneamente di stanza in Grecia. Marco Antonio possedeva 500 navi e 70.000 fanti e stabilì il suo accampamento ad Azio, mentre Ottaviano, con 400 navi e 80.000 fanti, arrivò da nord e occupò Patrae e Corinto , dove riuscì a tagliare le comunicazioni verso sud di Antonio con l'Egitto (attraverso il Peloponneso con l'aiuto di Marco Agrippa.

Ottaviano aveva precedentemente ottenuto una vittoria preliminare in Grecia, dove la sua marina traghettò con successo le truppe attraverso il mare Adriatico sotto il comando di Marco Agrippa. Ottaviano sbarcò in Grecia continentale, di fronte all'isola di Corcira (la moderna Corfù) e proseguì verso sud, via terra.

Intrappolati sia sulla terra che sul mare, parti dell'esercito di Antonio disertarono e fuggirono al fianco di Ottaviano. La flotta di Antonio navigò attraverso la baia di Azio, sulla costa occidentale della Grecia, nel disperato tentativo di liberarsi dal blocco navale.

Fu lì che la flotta di Antonio affrontò la flotta molto più grande di navi più piccole e più manovrabili sotto i comandanti Gaio Sosio e Agrippa. Antonio e le sue forze rimanenti furono risparmiate solo grazie a un ultimo disperato tentativo da parte della flotta di Cleopatra che aspettava nelle vicinanze. Ottaviano li inseguì e sconfisse le loro forze ad Alessandria il 1° agosto 30 a.C., dopodiché Antonio e Cleopatra si suicidarono.

La vittoria permise a Ottaviano di consolidare il suo potere su Roma e sui suoi domini. Adottò il titolo di Princeps e nel 27 a.C. gli fu conferito il titolo di Augustus dal Senato romano. Questo divenne il nome con cui fu conosciuto in tempi successivi. Augusto, mantenne le caratteristiche di un leader repubblicano, ma gli storici generalmente vedono il suo consolidamento del potere e l'adozione di questi titoli onorifici come la fine della Repubblica Romana e l'inizio dell'Impero Romano. 

Alle porte della battaglia

L'alleanza tra Ottaviano, Marco Antonio e Lepido, conosciuta come il Secondo Triunvirato, fu rinnovata per un periodo di cinque anni a Taranto nel 37 a.C. Tuttavia, questa alleanza cominciò a incrinarsi quando Ottaviano percepì Cesarione, dichiarato figlio di Giulio Cesare e della Regina Cleopatra VII d'Egitto, come una grave minaccia al suo potere. La frattura si accentuò quando Marco Antonio abbandonò sua moglie, Ottavia Minore, sorella di Ottaviano, per trasferirsi in Egitto e iniziare una relazione duratura con Cleopatra, diventando di fatto il patrigno di Cesareone.

Ottaviano e la maggior parte del Senato romano videro in Antonio il promotore di un movimento separatista che minacciava l'unità della Repubblica Romana.

La prestigiosa eredità di Giulio Cesare del 44 a.C. aumentò notevolmente il prestigio e la lealtà delle legioni verso Ottaviano, ufficialmente adottato come unico figlio di Cesare e unico erede legittimo della sua enorme fortuna. Antonio, avendo ricoperto il ruolo di ufficiale di maggior successo nell'esercito di Cesare (magister equitum), rivendicò una sostanziale parte del sostegno politico dei soldati e dei veterani di Cesare.

Sia Ottaviano che Antonio avevano combattuto contro i loro comuni nemici nella guerra civile dei Liberatores, che seguì l'assassinio di Cesare.

Dopo anni di leale cooperazione con Ottaviano, Antonio iniziò ad agire in modo indipendente, suscitando i sospetti del rivale che ambisse a diventare l'unico padrone di Roma. Il suo trasferimento ad Alessandria per diventare il compagno ufficiale di Cleopatra fu visto da molti politici romani come un tentativo di diventare il sovrano indiscusso dell'Egitto e di altri regni orientali, mantenendo il comando sulle numerose legioni romane in Oriente.

Come sfida personale al prestigio di Ottaviano, Antonio tentò di far accettare Cesareone come vero erede di Cesare, anche se l'eredità non lo menzionava. Nel 34 a.C., Antonio e Cleopatra innalzarono formalmente Cesarione, allora tredicenne, al titolo di "Re dei Re", un titolo visto come una minaccia alle tradizioni repubblicane romane.

In seguito, Ottaviano iniziò una guerra propagandistica, denunciando Antonio come nemico di Roma e sostenendo che intendesse stabilire una monarchia sull'Impero Romano a nome di Cesarione, bypassando il Senato Romano. Si diceva anche che Antonio intendesse trasferire la capitale imperiale ad Alessandria.

Con la scadenza formale del Secondo Triunvirato nell'ultimo giorno del 33 a.C., Antonio scrisse al Senato esprimendo il desiderio di non essere rieletto, sperando di essere visto come migliore rispetto l'ambizione di Ottaviano, che presumibilmente non avrebbe abbandonato la sua posizione in modo simile. Le cause di reciproco disappunto tra i due si erano accumulate.

Antonio lamentava che Ottaviano avesse superato i suoi poteri deposto Lepido, preso il controllo dei territori di Sesto Pompeo e arruolato soldati per sé senza inviarne la metà a lui. Ottaviano si lamentava che Antonio non avesse l'autorità di essere in Egitto; che la sua esecuzione di Sesto Pompeo fosse illegale; che il suo tradimento al re d'Armenia avesse disonorato il nome romano, che non avesse inviato metà del bottino a Roma e che la sua relazione con Cleopatra e il riconoscimento di Cesarione come figlio legittimo di Cesare fossero una degradazione della sua carica e una minaccia per se stesso.

Nel 32 a.C., un terzo del Senato e entrambi i consoli, Gneo Domizio Enobarbo e Gaio Sosio, si allearono con Antonio. I consoli avevano deciso di nascondere l'entità delle richieste di Antonio. Enobarbo sembrava voler mantenere il silenzio, ma il 1° gennaio Sosio tenne un discorso elaborato a favore di Antonio e avrebbe proposto la conferma dei suoi atti se non fosse stato messo il veto da un tribuno.

Ottaviano non era presente, ma nella riunione successiva diede una risposta che provocò la partenza di entrambi i consoli da Roma per unirsi ad Antonio quest'ultimo, una volta informato, dopo aver divorziato pubblicamente da Ottavia, si diresse immediatamente a Efeso con Cleopatra, dove una vasta flotta era stata radunata da tutte le parti dell'Oriente, di cui Cleopatra fornì una grande porzione.

Dopo aver soggiornato con i suoi alleati a Samo, Antonio si trasferì ad Atene. Le sue forze terrestri, che erano state in Armenia, scesero sulla costa dell'Asia e imbarcarono sotto Publio Canidio Crasso.

Ottaviano continuò i suoi preparativi strategici. Le operazioni militari iniziarono nel 32 a.C., quando il suo generale Agrippa catturò Metone, una città greca alleata di Antonio. Ma con la pubblicazione del testamento di Antonio, che Lucio Munazio Planco aveva consegnato nelle mani di Ottaviano, e facendo sapere con cura a Roma quali preparativi fossero in corso a Samo e come Antonio stesse effettivamente agendo come agente di Cleopatra, Ottaviano suscitò un tale violento scoppio di sentimenti che ottenne facilmente la deposizione di Antonio dal consolato del 31 a.C., per il quale era stato designato.

Oltre alla deposizione, Ottaviano ottenne una proclamazione di guerra contro Cleopatra. Ciò fu chiaramente inteso come un atto contro Antonio, anche se non fu nominato direttamente. Con la dichiarazione di guerra, il Senato privò Antonio di qualsiasi autorità legale.

Continuai con LA BATTAGLIA DI AZIO

Torna al blog